Ambasciatore - Parrocchia ucraina Santissima Trinità

Vai ai contenuti

Menu principale:

Ambasciatore

ITALIANO
 


L’Ucraina più vicina a Caserta
L'AMBASCIATORE ALLA "DE AMICIS"
Visita alla scuola “Zolotoust” ospitata dalla Primaria

Iniziativa per l’integrazione

      E’ sempre più stretto il legame tra la comunità Ucraina e la città di Caserta, che secondo le stime fa registrare proprio quella degli immigrati del Paese dell’Est Europa come la componente più numerosa tra gli stranieri nel capoluogo di Terra di Lavoro. Dopodomani, domenica, alle ore 12, infatti, l’ambasciatore della Reppublica Ucraina, Yevhen Perelygin, accolto dal dirigente scolastico dell’Istituto Comprensivo “De Amicis-da Vinci”, Alfonso Marotta, e dal reverendo Ihor Danylchuk, visiterà la scuola ucraina “Zolotoust”, ospitata per il secondo anno consecutivo nei locali della scuola primaria “De Amicis” di Caserta. La struttura formativa è un punto di riferimento importante in provincia anche perché di anno in anno aumenta la presenza di minori di origini ucraine. Alcuni arrivano con i ricongiungimenti famigliari, altri nascono qui dalle famiglie ucraine o miste. Pur non avendo grandi problemi di integrazione, rischiano di perdere le loro radici. Di qui, proprio per rispondere al loro bisogno di conservare l’identità culturale e la lingua dei genitori, si è concretizzato a Caserta questo progetto, fortemente voluto da padre Ihor Danylchuk e subito condiviso dal dirigente scolastico Alfonso Marotta.

      La scuola “Zolotoust”, aperta ogni domenica, è riconosciuta dal ministero della Pubblica Istruzione della Repubblica Ucraina e, con i suoi 76 studenti di ogno ordine e grado si vede superata, sul piano nazionale, solo da un’analoga scuola di Roma che conta 80 iscritti. “A ben vedere – spiega il dirigente Marotta – una differenza minima che va a tutto vantaggio della scuola casertana, se si considera il numero complessivo degli abitanti delle due città. L’esperienza di Caserta, proposta da padre Ihor Danylchuk e prontamente accolta da docenti e genitori dell’stituto, rappresenta un riuscito esempio di integrazione tra le culture e istituzioni di Paesi diversi e manifesta la vocazione dell’istituto comprensivo ad aprirsi al territorio e ad operare al di là dei confini della scuola tradizionale. Gli amici dell’Ucraina nella nostra scuola devono sentirsi come a casa loro”.
      Alla visita dell’ambasciatore della Reppublica Ucraina sarà presente anche il Console generale di Napoli, Leonid Domaretskyj, il sindaco di Caserta, Pio Del Gaudio e il personale docente della scuola, da sempre interessato al dialogo con realtà scolastiche di differenti nazioni.


Giornale "Il mattino" del 19.12.2014


 
Torna ai contenuti | Torna al menu